Spiritualità

Strutturare un Ego

di Salvatore Brizzi

Negli ambienti cosiddetti “spirituali” si è diffusa da qualche decennio la perniciosa moda che porta tanti improvvisati discepoli, spesso autodidatti, a voler eliminare o in qualche modo superare il proprio Ego.

Una delle conseguenze dell’apertura di coscienza avvenuta a partire dal ’68 è stata la diffusione di massa di concetti spirituali/esoterici che prima erano riservati alle scuole iniziatiche o erano reperibili solo su testi piuttosto difficili. Il fatto che tali testi e scuole fossero accessibili unicamente a persone intellettualmente preparate, capaci di comprendere a fondo anche dal punto di vista mentale ciò che veniva loro richiesto nel Percorso, rendeva sicuramente l’esoterismo qualcosa di elitario, tuttavia ciò proteggeva la tradizione esoterica dalle deviazioni rispetto ai significati e alle pratiche originali e al medesimo tempo teneva alla larga i neofiti dai pericoli insiti in un percorso trasformativo che coinvolge profondamente la psiche di ciascuno.

Il ricercatore spirituale moderno non si rende conto che quando si lavora con le energie della psiche non si può scherzare. Non passa settimana nella quale non vengo a sapere di qualcuno che si è amaramente pentito di aver praticato esercizi miranti ad aprire il Terzo Occhio, a risvegliare la Kundalini, a fare sogni lucidi e viaggi astrali. E non sto esagerando, il numero delle persone danneggiate è altissimo; ci sono scuole che stanno letteralmente creando dei danni a tappeto sulla popolazione divulgando queste pratiche!

In questo periodo le persone – spesso per sfuggire alla propria quotidianità, altre volte perché sinceramente desiderose di conoscere – si affidano alle filosofie e alle pratiche di chiunque salga su un palco! Pare che con il passare del tempo la capacità selettiva del pubblico si sia assottigliata fino a scomparire. Forse il livello di disperazione personale è tale per cui qualunque insegnante e qualunque pratica “esoterica” sono meglio della piatta esistenza quotidiana.

Le deviazioni messe in atto dall’Ombra affinché anche chi sente la spinta verso il Viaggio Iniziatico resti intrappolato nelle spire di matrix, si possono riassumere in due linee principali:

a) esercizi e pratiche provenienti da tradizioni del passato (gnosi, tantrismo, pratiche con l’energia sessuale, ecc.) che vengono riproposte a tutti indiscriminatamente da insegnanti che non sono minimamente in grado di “vedere” cosa sta accadendo nei centri sottili nel praticante. (Abbiamo accennato prima a questo aspetto e ai pericoli che vi sono connaturati)

b) tutte le filosofie legate al superamento dell’Ego personale per identificarsi con l’Uno. Ossia filosofie derivanti da un fraintendimento del concetto di illuminazione.

Aggiungerò qualcosa su questo secondo aspetto.

Il “superamento dell’Ego” che, come accennavamo, va tanto di moda oggi, fa parte di un’importante deviazione da quello che è il Percorso Iniziatico tramandato nelle scuole esoteriche autentiche. Il concetto di “superamento dell’Ego” non sarebbe errato in sé, ma il problema nasce quando viene democraticamente divulgato a una massa indistinta di persone che l’Ego nemmeno ce l’ha.

Il termine Ego nell’esoterismo indica l’Io integrato dell’individuo, ossia un traguardo da raggiungere, non un punto di partenza. Nella Teosofia i termini anima, Ego e Angelo Solare si equivalgono. In Alchimia e in Magia – così come negli insegnamenti di Quarta Via – si parte dal presupposto che il neofita non abbia ancora sviluppato – o non del tutto sviluppato – il suo Ego e che debba lavorare duramente per farlo. Nella deviazione di cui è qui questione accade invece che le persone credano di avere già un Ego e di doverlo addirittura eliminare per poter procedere oltre nel loro cammino fino a fondersi con l’Uno.

Nella mia vita ho conosciuto giusto tre o quattro individui in possesso di un Ego integrato, i quali hanno ottenuto questo traguardo dopo anni di lavoro sull’autosservazione, la Presenza, la disidentificazione, il non-giudizio, ecc. Sono persone equilibrate, con un Centro interiore ben sviluppato, che non provano più emozioni negative e capaci di amare il prossimo. E solo da queste persone posso accettare un discorso che riguarda la necessità di andare a sciogliere alchemicamente l’Ego, rivelandone un giorno l’illusorietà. In quanto loro un Ego ce l’hanno davvero. Sono cioè capaci di vera Volontà e di libero arbitrio.

Tutti gli altri semplicemente non hanno un Ego, – anche se, ovviamente, credono di averlo – non hanno un Centro, ossia iniziaticamente non hanno ancora sviluppato un »padrone di casa«, ma invece di ammetterlo e iniziare a lavorare onestamente per ottenerlo, si riempiono la bocca di discorsi che hanno letto sui libri di neo-advaita, dove si racconta che l’illuminazione può accadere a chiunque e in qualunque momento… anche mentre si sta facendo la cacca.

Attraverso queste nuove filosofie new-age, che fanno un sincretismo di concetti raccolti a destra e a manca, si portano le persone a credere di possedere sul piano psicologico qualcosa che invece non hanno e addirittura li si invita a distruggerlo per ottenere una fantomatica illuminazione. Ma non si può distruggere, o anche solo “superare”, qualcosa che non si ha, e attualmente le persone sono solo un’accozzaglia di pensieri ed emozioni senza un Centro psicologico coordinatore.

“Il tuo Ego non esiste, per cui non puoi distruggerlo, devi solo realizzare che c’è stato sempre solo l’Uno.” Affermano i seguaci del neo-advaita. Siamo tutti d’accordo sul fatto che questo Ego non esista (lo diceva anche Gurdjieff), ma mentre in un Percorso Iniziatico regolare ti viene insegnato come costruirlo, in questa filosofia che va per la maggiore oggi non ti si permette di costruirlo, anzi, questa viene considerata un’eresia che rischia di allontanarti per sempre dall’Uno (ma non era tutto Uno?).

Ma allora che genere di realizzazione hanno ottenuto questi personaggi neo-advaita che raccontano di essersi illuminati mentre facevano la cacca? Essi riportano tutti concetti simili: non esiste l’Ego, non esiste l’anima, non c’è nulla dopo la morte, esiste solo l’Uno e una volta che ci si fonde con l’Uno, si scompare. E tutto questo per loro è effettivamente vero. Per il semplice motivo che loro sono fulminati e non illuminati. E qui veniamo al punto. Mi spiego meglio: loro hanno ottenuto quel genere di illuminazione che consiste nel regredire allo stadio di Uno primevo senza aver completato la formazione psicologica dell’Ego, del vero individuo. La conseguenza di tale evento è che loro non “cavalcano la tigre”, non entrano nell’Uno in piena consapevolezza, ma vi si perdono dentro annullandosi in esso.

In un autentico Percorso Iniziatico magico/alchemico il discepolo deve costruire un Ego perché questo gli consentirà un giorno di identificarsi con l’Uno, non di perdersi in esso. E qui sta l’abissale differenza fra l’essere un fulminato o un illuminato. Dal momento che, come si afferma giustamente anche nell’Advaita, l’essere umano non ha un Ego di partenza, ma crede solo di averlo, il Percorso prevede la sua costruzione, al fine di diventare “consapevole di sé”. Una volta divenuto un essere consapevole, un vero Io, allora l’individuo compie il grande “sacrificio di sé” (ma adesso ha qualcosa da sacrificare) e abbandona questo Io individuale per entrare nella Consapevolezza assoluta dell’Uno. Il risultato finale del percorso magico è sempre stato e sarà sempre il Mago, ossia l’Io Assoluto, l’Uomo/Dio. La goccia non si perde nell’oceano, bensì diviene consapevole di essere l’oceano stesso. Una differenza piuttosto importante… quando la goccia sei tu.

In un Percorso regolare, che prevede sforzi e prove, nulla va perso di ciò che l’uomo ha compiuto incarnazione dopo incarnazione, infatti si parla d’immortalità e di tappe iniziatiche. Nella filosofia Advaita – che era adatta all’essere umano più antico, il quale non era ancora in grado di divenire consapevole di sé – tutto va perso, nel senso che l’individuo fa marcia indietro, scompare per sempre, non si reincarna e perde la coscienza di sé, la coscienza di essere mai vissuto come entità separata dal Tutto.

Spero di aver portato chiarezza su un punto quantomai importante e tuttavia trascurato più o meno da tutti.

 

di Salvatore Brizzi

Fonte: www.salvatorebrizzi.com

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close