ScienzaSpiritualità

Sun Childs

di Andrea Doria

Il seguente articolo è basato in larga parte su dati oggettivamente riscontrabili da tutti (vedi riferimenti bibliografici), e in parte su argomenti di carattere assolutamente speculativo. Niente di quanto riportato di seguito è da intendersi in alcun modo come “scientificamente dimostrato”. Questa premessa è doverosa in quanto uno scarso senso critico potrebbe condurre a speculare ulteriormente sull’argomento in modo fideistico e senza eseguire alcuna verifica. I nomi di alcuni ricercatori e scienziati da me interpellati sono volutamente non menzionati, in quanto vi è spesso un uso prettamente strumentale di queste persone e delle loro dichiarazioni.

“E’ mezzanotte del 22 Settembre 2012. I cieli sopra Manhattan sono completamente ricoperti da una coltre sfarfallante di luci colorate. Sembrano un enorme caleidoscopio psichedelico proiettato nel cielo. Alcuni new yorkesi sono stati testimoni dell’aurora borealis in passato ma ciò che stanno osservando ora va oltre ogni loro immaginazione. In pochi secondi, le lampadine elettriche diminuiscono di intensità, sfarfallano, poi divengono stranamente intense per qualche istante. Successivamente, tutte le luci dello Stato si interrompono ed entro novanta secondi l’intera costa Est americana rimane completamente al buio.”

Narrata in questi termini sembrerebbe trattarsi del prequel del colossal catastrofico hollywoodiano 2012, di Roland Hemmerich, eppure a descrivere questo incauto scenario è il New Scientist[1], il quale propone all’interno di un articolo del giornalista Michael Brooks[2] alcune delle eventualità che potrebbero verificarsi al seguito di una potentissima espulsione di Massa Coronale (EMC), detta anche Tempesta Solare. Stiamo parlando di un evento noto, il quale avviene in modo regolare con più o meno intensità. Perché dunque tutta questa velata concitazione? Probabilmente perché questa volta si teme una tempesta solare così prorompente da far sembrare pacata quella avvenuta il 28 Agosto del 1859[3], quando d’improvviso apparvero lungo una vasta area del territorio americano i seducenti bagliori delle aurore. In ogni parte del mondo, nei centri raccolta dati, le strumentazioni impazzirono e i magnetometri finirono totalmente fuori scala. Il giorno seguente, l’astronomo amatore inglese Richard Christopher Carrington (Medaglia d’Oro della Società Astronomica Reale) fu il primo ad osservare un gruppo di macchie solari di dimensioni insolitamente grandi, dal quale partiva un lampo di luce biancastra che dopo qualche ora produsse una seconda ondata di aurore dalla considerevole intensità. Con la “Grande Aurora” del 1859 i modelli di spiegazione dei fenomeni di attività solare si innovarono rapidamente e le antiche ipotesi di “lampi ad alta quota” o di “luce riflessa dagli iceberg”, vennero sostituite da quelle più attinenti agli eventi solari e alla loro perturbazione. Ma nel caso di un evento simile, di portata più massiccia di quello avvenuto nel 1859, dopo il balzo impressionante in termini tecnologici compiuti in così breve tempo (ci separano da quel giorno solamente 150 anni) cosa dovremmo aspettarci? Il cambio della situazione geo-politica del nostro pianeta sarebbe il minore dei problemi, suggerisce il New Scientist, che vedrebbe declassati gli Stati Uniti e l’Europa alla stregua degli attuali “paesi in via di sviluppo”… Fanta-geo-politica a parte, verrebbe da pensare, c’è dell’altro? A quanto pare è probabile aspettarsi anche “dell’altro”.

Un “profondo minimo solare”

In questo articolo tralascerò di proposito la questione catastrofistica correlata alla Sole-Terra connection. A fare questo ci stanno pensando altri ben noti furbacchioni della cosiddetta controinformazione. Ciò che invece mi interessa sottolineare sono eventi di ben altra natura: è davvero plausibile una correlazione tra gli sbalzi d’umore della nostra stella con i nostri fin troppo repentini balzi evolutivi? Quali sono le reali motivazioni che spingevano i mistici di un tempo ad adorare il Sole? Era semplicemente perché questa stella ha la facoltà di “donarci la vita”, biologicamente parlando, oppure perché essa possiede per davvero alcune proprietà necessarie a interferire con il nostro stato coscienziale? Sarebbe dunque il “libero arbitrio” una mera illusione alterabile da eventi astronomici sui quali non abbiamo alcun controllo? Alla luce delle informazioni che ho raccolto, in via del tutto personale ritengo che questo scenario sia quantomeno plausibile.

Il Sole. Una “Stella Madre” esiliata alla più estrema periferia di questa galassia. L’incandescente capricciosa, la definirei, la cui siluette equatoriale misura 864 mila e 300 miglia (1.391 × 109 Km); classificata nella struttura evolutiva del diagramma di Hertzsprung-Russell[4] come “nana gialla”, ultimamente, come dicevo, sta facendo lambiccare gli astronomi di mezzo mondo per via delle sue imprevedibili bizzarrìe. Alla domanda proposta ad alcuni esperti di mia conoscenza “qual’è esattamente la situazione la fuori?” essi mi rispondono quasi all’unanimità: “in apparenza… tranquilla”. Ed’ è stato proprio il giorno dopo il tremendo terremoto in Abruzzo, avvenuto il 6 Aprile 2009, che ho prontamente posto questa domanda, ipotizzando tra me e me che la causa di quel tragico scossone potesse in qualche modo essere riconducibile a un evento accaduto nel nostro sistema solare  – “…il Sole, il giorno prima del terremoto si è lasciato sfuggire un flare di plasma alto 50.000km talmente potente che il suo campo magnetico non è riuscito di contenerlo. L’anomalia di questo evento,” – procede il mio contatto – “è determinata dal fatto che il 5 Aprile 2009 il Sole appariva totalmente privo di macchie. Ciò non significa automaticamente che i due eventi, il terremoto in Abruzzo e il brillamento, siano strettamente correlati, ma è molto improbabile che un’attività di tale intensità possa sprigionarsi a quelle condizioni, come non possiamo certo scartare l’ipotesi che la risonanza di questa esplosione possa aver scatenato una serie di eventi qui sulla Terra, tra cui anche il terremoto in Abruzzo.”

In breve cosa sono esattamente queste macchie solari?

Sono state date molte descrizioni di questo fenomeno. Alcune corrette, altre meno. Il primo resoconto storico plausibile circa la loro osservazione appare per la prima volta nel classico cinese ‘Il Libro dei Mutamenti’ (o I Ching), compilato in Cina attorno al 2838-2953 a.C, il cui testo narra: “Un dou è stato visto nel Sole” e “Un mei è stato visto nel Sole”. In tale contesto le parole composte dagli ideogrammi cinesi “dou” e “mei” hanno il significato di ‘oscurità’[5]. Difatti gli astronomi alle corti degli imperatori della Cina e della Corea osservavano, anche se in modo discontinuo, il fenomeno delle macchie solari, lasciandoci in eredità un’enorme quantità di dati che, sebbene irregolari e in gran parte incompleti, ricoprono comunque circa 2.000 anni di osservazioni compiute nell’era pre-telescopica[6]. Dalla nostra prospettiva d’osservazione appaiono essere delle “piccole” macchioline scure che possono essere facilmente osservate e catalogate con precisione se la luce emessa dalla fotosfera viene fortemente filtrata. Queste macchie appaiono e scompaiono con più o meno regolarità segnando così l’inizio e la fine di ogni ciclo solare, la cui durata è stimata grossomodo in periodi undicinali, durante i quali, il Sole, inverte il proprio polo magnetico. Vengono concepite dai moderni astronomi come “bolle” di energia magnetica che in qualche modo, brillando, contribuirebbero al raffreddamento dei gas incandescenti, rendendo l’area del brillamento più scura rispetto al resto della superficie circostante. E’ inoltre importante sottolineare che le macchie solari mostrano un’intrinseca correlazione con il calo lineare del campo magnetico terrestre di 40nT ogni anno[7]. E’ dunque verosimile che queste macchie possano essere la causa principale di queste esplosioni solari? Secondo lo studio condotto dall’equipe dello scienziato Sara Gibson della UCAR (University Corporation for Atmospheric Research) le macchie non sono la causa diretta del ciclo solare: “Il Sole continua a sorprenderci. Il vento solare continua a colpire la Terra anche quando virtualmente non vi sono macchie solari”, mentre Janet Kozyra, dell’Università del Michigan aggiunge: “L’interazione Sole-Terra è molto complessa, e non abbiamo ancora scoperto tutte le conseguenze di questi cicli solari così inusuali. L’intensità dell’attività magnetica della Terra in questo estremamente minimo solare ci ha sorpreso tutti quanti. Le nuove osservazioni dallo scorso anno stanno cambiando enormemente la nostra comprensione di come gli intervalli di quiete solare hanno effetto sulla Terra e di come ciò potrebbe alterare da ciclo a ciclo.”

Dunque, questo cosiddetto ‘equilibrio’ undicinale si è come spezzato nel 2008, quando per ben 266 giorni su un totale di 366 (il 2008 è stato un anno bisestile) le macchie solari sono state praticamente inesistenti. Alcuni osservatori hanno ipotizzato che il ciclo solare doveva aver toccato il fondo del barile già nel 2008 e invece nel 2009 è sceso ancora al di sotto delle previsioni. Dal 1° Gennaio al 31 di Marzo non sono state osservate macchie solari per un totale di 78 giorni su 90. Fatto che denota senz’altro un’anomalia nell’attività magnetica polare del Sole, il quale, è apparso in considerevole ritardo sui suoi tempi. “Stiamo vivendo un profondo minimo solare” dice il fisico Dean Pesnell del Goddard Space Flight Center; “Questo è il sole più calmo che abbiamo mai visto in quasi un secolo di osservazioni”, concorda l’esperto di macchie solari David Hathaway del Marshall Space Flight Center[8]. Ovviamente anche un profondo ‘minimo solare’, secondo le “teste d’uovo” del SIDC (Solar Influences Data Analysis Center) ha i suoi bei lati positivi, peccato però che questi vengano unicamente attribuiti al fatto che a trovare giovamento da questa situazione sia la nostra tecnologia satellitare[9].

Il Sole dunque, fa i capricci. Noi romagnoli diremmo che ha “le sue cose”, proprio esattamente come accade alle signore donne quando sperimentano l’alterazione del loro regolare ciclo mensile, il quale le induce spesso loro malgrado a una certa rinomata irrequietezza. Può dunque lo sfasamento di un ciclo solare essere la causa di eventi geofisici, quali terremoti, alluvioni e quant’altro? E se ciò per molti studiosi e ricercatori è plausibile, la coscienza umana può esserne influenzata senza che nessuno si accorga di nulla?

Ecco come la Fisica Solare modulerebbe il Comportamento, di conseguenza, la nostra Storia.

Di norma le grandi agenzie incaricate di istituire dei protocolli di sicurezza in caso di eventi “fuori portata”, lo fa unicamente sulla base di data points già studiati e/o raccolti dalle strumentazioni preposte, e un’equipe di esperti preparata ad affrontare questo tipo di eventi, come quello della tempesta solare del 1859, non comprende mai al suo interno uno staff multidisciplinare che riunisca anche gruppi di studiosi e ricercatori dei fuggevoli aspetti correlati alla Psiche o alla Coscienza. Sì perché, essendo la Coscienza considerata ancora una barzelletta da bar nessuno si sognerebbe mai di includerla tra i vari algoritmi di calcolo delle probabilità statistiche. Eppure si potrebbe almeno tentare! E se ciò che viene scartato, poiché semplicemente considerato “rumore di fondo”, contenesse altre importanti informazioni? Qualcuno ride grasso a tale possibilità. E meno male che su questo pianeta vi sono differenti tipologie di osservatori e rispettive osservazioni.

Il professore in Astronomia e Biofisica russo A. L. Tchijevsky (8 Febbraio 1897 – 20 Dicembre 1964) notò che durante la prima guerra mondiale alcune particolari battaglie molto cruente furono precedute da significativi brillamenti solari. Nel periodo in cui questo genere di attività raggiunse il suo apice (1916-1917) Tchijevsky nutrì il forte sospetto che queste battaglie furono pesantemente stimolate dalle potenti cariche di protoni ed elettroni sprigionate dal Sole[10]. Intrigato dalla possibile correlazione tra il comportamento umano di massa e la fisica solare compilò, in un lavoro di raccolta che definirei mostruoso, i fatti storici di 72 nazioni dal 500 a.C. al 1922 a.D., così da avere a disposizione un massiccio database utile ad articolare le sue corrispondenze. Attraverso questi studi Tchijevsky progettò il suo “Indice di eccitabilità delle masse”. Dopo l’analisi dettagliata di questo poderoso database scoprì che l’80% degli eventi più significativi della nostra storia, molti correlati a guerre e violenze di ogni genere, avvennero sempre durante i cinque anni di massima attività delle macchie solari[11]. Tchijevsky ebbe l’ardire di asserire pubblicamente che la Rivoluzione Russa del 1917 avvenne proprio durante il picco più alto di questa attività, come causa diretta di questa influenza e non per ragioni di ordine politico. Sfortunatamente questa osservazione gli costò molto cara poiché fu rinchiuso in una prigione sovietica per oltre trent’anni, semplicemente perché la sua “teoria” sfidava l’allora prorompente “dialettica marxista”. Politica e scienza, si sa, sono due pessime compagne di viaggio.

Dopo gli studi di Tchijevsky, la connessione “solare” con eventi terrestri è stata portata avanti con grande interesse da moltissimi studiosi, anche se l’attenzione sul fenomeno si è gradualmente spostata alle implicazioni sull’impatto climatico, sull’economia agricola e ad altri fenomeni non direttamente correlabili al comportamento umano. A differenza delle antiche culture come l’Egitto, i Sumeri, i Bhararti, i Maya e la Cina, l’uomo moderno è altamente riluttante ad accettare l’idea che il nostro comportamento collettivo possa in qualche modo essere fortemente influenzato dall’attività dei Raggi Cosmici modulati dall’attività solare. Esso preferisce mantenere viva la credenza che sia la ragione a governare la sua società. In un resoconto storico redatto in China nel 299 a.C. è riportato: “All’interno del Sole apparivano come degli stormi di rondini, i quali sono scomparsi dopo alcuni giorni.” Questo segno fu interpretato come un presagio dell’abdicazione e morte dei due imperatori Min e Huai[12].

I fatti, dunque, che vado di seguito a riportare sono basati sul lavoro del Prof. Tchijevsky e sui data points statistici raccolti attraverso un minuzioso scrutinio degli eventi più significativi della nostra storia, a partire dal V secolo a.C sino ai nostri giorni. L’osservazione di queste corrispondenze si esplica, effettivamente, secondo il seguente ordine:

  1. Come l’attività delle macchie solari raggiunge il suo apice, il numero dei più importanti eventi storici in grado di influenzare larghe porzioni di masse, osservati nella loro totalità, aumentano, raggiungendo il picco più elevato proprio nel momento di massimo solare e diminuiscono al minimo durante l’epoca di minimo solare.
  2. In ogni secolo, l’aumento sincronico delle attività militari e politiche nella totalità del globo terrestre è stata osservata esattamente nove volte. Questa circostanza ci da la possibilità di riconoscere che un ciclo delle attività umane abbraccia undici anni (in termini aritmetici).
  3. Ogni ciclo, osservato secondo i segnali psicologici e storici, viene diviso in quattro parti (periodi) descritti dal Prof. Tchijevsky come “stati di eccitabilità”:

    1° periodo Minimo di eccitabilità:                3 anni;
    2° periodo Crescita dell’eccitabilità:           2 anni;
    3° periodo Massimo dell’eccitabilità:         3 anni;
    4° periodo Declino dell’eccitabilità:             3 anni;

    Il numero degli eventi storici accorsi in ogni ciclo sono distribuiti approssimativamente nell’arco di cinquecento anni (XV-XX secolo) nella seguente modalità:

    1° periodo       ………….      (05%)
    2° periodo       ………….      (20%)
    3° periodo       ………….      (60%)
    4° periodo       ………….       (15%)

  4. Il corso e lo sviluppo di ogni evento storico è suscettibile di fluttuazioni (periodi di attività e inattività) in diretta dipendenza alla fluttuazione periodica che avviene nell’attività solare. Formula: lo stato di predisposizione delle masse collettive verso l’azione è una funzione dell’attività periodica dovuta alle macchie solari.
  5. I balzi episodici, o le crescite repentine dell’attività solare, attivano nella società umana fattori politico-economici capaci di chiamare in causa una crescita sincronica delle attività di massa. Formula: l’aumento dell’attività delle macchie solari trasforma l’energia potenziale delle persone in energia cinetica.

  6. Il corso dei processi storici è composto da un numero di cicli ininterrotto, i quali, occupano un periodo corrispondente, in termini aritmetici, a undici anni; il corso dell’attività politico-militare appare sincrono con l’attività delle macchie solari. Ogni ciclo di questo processo possiede le seguenti peculiarità storico-psicologiche:

    a)      esattamente nei punti medi del corso del ciclo l’attività di massa operante su tutta la superficie terrestre,  data la presenza nella società umana di fattori di eccitabilità economici, politici e militari, raggiungere il suo picco di massima tensione che si manifesta in pandemie “psicomotorie” come: rivoluzioni, insurrezioni, spedizioni, migrazioni ecc. imponendo così l’esistenza di nuovi stati separati tra loro e rispettive epoche storiche. Questo corso è accompagnato dall’integrazione delle masse come piena espressione delle loro attività di governo basate sui principi di maggioranza.

    b)      nei punti più estremi del corso del ciclo la tensione di tutta l’attività politica-militare decade al suo minimo, cedendo il passo a un’attività di ordine più creativo, accompagnata da una generale decrescita dell’entusiasmo verso i settori politico-militari, il quale lascia libero sfogo ai processi di pace, alla creazione di nuove attività creative nella sfera delle organizzazioni, nelle relazioni internazionali, nella scienza e nell’arte, con una pronunciata tendenza verso l’assolutismo dei poteri governativi concentrati verso la disgregazione di questo senso di “unificazione” che la massa condivide.

  7. In correlazione con il massimo solare troviamo:

    a)      la disseminazione di differenti tipi di dottrine politiche e religiose; la distribuzione di eresie cospirative, rivolte religiose e pellegrinaggi.

    b)      l’apparizione di leader militari e religiosi, nonché riformisti.

    c)      la formazione di corporazioni, associazioni, unioni, leghe, sette e compagnie di stampo politico, militare, religioso e commerciale.

  8. E’ impossibile trascurare l’evidenza che le epidemie di ordine patologico coincidono frequentemente con i periodi di massimo solare.
  9. Pertanto l’esistenza di una dipendenza tra l’attività delle macchie solari e il comportamento delle masse dovrebbe venire considerato con maggiore serietà.

Dopo aver esposto questi nove punti salienti, nel novembre del 1922, a Ivanovskaia, Kaluga, Russia, il Prof. Tchijevsky prese il ciclo dell’intera attività umana come la prima unità di misura del processo storico, definendolo “storiometrico”. Era inoltre ferma intenzione di Tchijevsky istituire un organo apposito per eseguire degli studi scientifici in grado di determinare con precisione, laddove fossero stati presenti, i fattori d’influenza cosmologici e geofisici sulla condizione psichica degli individui e più in generale delle masse.

Diagramma: rappresenta in percentuale il numero di eventi storici correlati al ciclo solare annuale e rispettive fasi, riscontrati in un periodo di osservazione medio di 500 anni (secoli XV – XX);

Le curve di fluttuazione del processo storico-universale svoltosi sull’intera superficie della Terra durante il periodo che va dal V secolo a.C sino al XX secolo A.D. Lungo l’ascissa sono marcati gli anni; lungo l’ordinata la quantità di eventi storici importanti. I punti marcano i dati astronomici pretelescopici, delle macchie solari durante il periodo di massimo. I tratteggi invece evidenziano il suo minimo.

Parallelismo nelle curve dell’attività delle macchie solari (curve di sotto) e l’intera attività umana politico-militare (curve di sopra) dal 1749 sino al 1922.

Osservando i grafici appena riportati dagli studi del Prof. Tchijevsky e disegnati di suo pugno, non può che colpire la sbalorditiva “coincidenza” che traspare dall’osservazione dei fatti storici in corrispondenza delle fluttuazioni solari. Ma, domanda delle domande, quali sarebbero con precisione questi eventi storici importanti secondo Tchijevsky che sarebbero in diretta sincronia con i periodi di minimo e di massimo solare? Andiamo a riportarne alcuni qui di seguito.

PERIODO STORICO 1750 – 1800

1770-77:
il massacro di Boston ;
la battaglia di Lexington e Concord ;
la battaglia di Bunker Hill ;
la battaglia di Long Island ;
la battaglia di Trenton ;
la battaglia di Saratoga;

1788-91:
la Rivoluzione francese
il completamento della Carta Costituzionale degli Stati Uniti ;

PERIODO STORICO 1800 – 1900

1803-06:
Napoleone conquista l’Europa ;

1815-17:
due battaglie vengono originate per sconfiggere Napoleone ;
a Vienna si svolge il Primo Congresso ;
rivolte in Germania, Inghilterra e Serbia;
il Brasile, il Cile e l’Argentina dichiarano la loro indipendenza;

1828-32:
rivolte in Turchia, Messico, Belgio, Polonia, Francia, Bretagna;
rivolta degli schiavi in Virginia;

1837-40:
rivolte costituzionali in Canada;
viene fondata la “Società antischiavista americana” ;
indipendenza del Texas ;
guerra anglo-afgana ;
guerra dell’Oppio ;

1848-51:
rivolte e rivoluzioni in Polonia, Svizzera, Parigi, Vienna, Berlino, Milano, Venezia, Napoli, Praga, Budapest, Varsavia;
principio della guerra tra Stati Uniti e Messico;
principio la ribellione dei Taiping;

1858-61:
principio della Guerra Civile Americana ;
rivolte in India, Italia e Cina;

1869-72:
guerra Franco-Prussiana ;
la Comune de Paris ;

1883-86:
rivolte in Sudan;
istituzione del Primo Congresso Nazionale Indiano ;

1893-95:
rivolta Zulu;
rivoluzione Cubana;

PERIODO STORICO 1900 – 1960

1905-08:
i Namaqua, assieme agli Herero, insorsero in armi contro i Tedeschi che avevano colonizzato la Namibia, e 10,000 Nama, il 50% della popolazione, perì nella repressione;
rivolte in Turchia, India, Honduras e Russia;

1916-18:
Prima Guerra Mondiale;
rivolte in Irlanda e in India;
Rivoluzione Russa;

1916-18:
Mussolini e Hitler costruiscono il loro potere sul disordine economico;
rivolte a Vienna e Cina;
formazione dell’Armata Rossa;
si forma la Repubblica Spagnola;
disobbedienza di massa in India;

1937-40:
guerra civile Spagnola;
la Germania e il Giappone cominciano la Seconda Guerra Mondiale;
disobbedienza di massa in India;

1947-51:
guerra civile in Grecia;
prima guerra arabo-israeliana;
sommosse indiano-pachistane;
l’Armata Rossa conquista la Cina;
rivolte in Vietnam;
Guerra di Korea;

1957-60:
Israele invade il Sinai;
insurrezione ungherese;
rivoluzione Cubana;
rivolte dei movimenti sui Diritti Civili negli Stati Uniti;
guerra franco-algerina;
rivolta dei Mau Mau;
rivolta in Iraq;
numerose nazioni africane guadagnano l’indipendenza;

PERIODO STORICO 1961 – 2009

Secondo i periodi calcolati da Tchijevsky ecco i fatti più influenti degli ultimi ’40 anni

Periodo di Pace/Repressione – 1961-64:

Crisi dei Missili a Cuba;
Bando dei test nucleari nell’atmosfera, nello spazio extratmosferico e sott’acqua .
Sostenuto attivismo per i Diritti Civili;

Periodo di aumento dell’eccitabilità – 1965-66:

429.000 truppe vengono spedite in Vietnam;
la prima Grande Marcia contro la guerra in Vietnam;
prime rivolte interne negli Stati Uniti;
inizio della rivoluzione culturale Cinese;

Periodo di massima eccitabilità – 1967-69:

il Vietnam è all’apice del suo conflitto;
dimostrazioni di pace in tutto il mondo;
insurrezione dei movimenti studenteschi;
la rivoluzione culturale Cinese prosegue;
insurrezione in Cecoslovacchia;
invasione Russa;
le rivolte interne negli Stati Uniti proseguono;
guerra arabo-israeliana;
Woodstock e relativo apice del movimento Hippy;

Periodo di decrescita dell’eccitabilità – 1970-72:

si spengono i movimenti femministi;
si spengono i movimenti studenteschi;
guerra indo-pachistana;
Nixon visita la Cina per negoziare la tregua;
la guerra in Vietnam volge verso il termine;
Dichiarazione di indipendenza del Bangladesh dal Pakistan;
il comunista Salvador Allende viene eletto in Chile a seguito di un colpo di stato militare appoggiato dagli USA ;

Periodo di Pace/Repressione – 1973-75:

termina la guerra in Vietnam;
massacro di Wounded Knee;
i militari cileni spodestano Allende;
la guerra Yom Kippur e l’embargo petrolifero ;
dimissioni di Nixon;
i dittatori di Grecia ed Etiopia vengono deposti;
Accordo di Pace di Helsinki;
i Khmer Rossi incominciano il massacro in cambogia;
incomincia la guerra civile in Libano

Periodo di aumento dell’eccitabilità – 1976-78:

Accordo di pace di Camp David per Egitto e Istraele ;
golpe militare in Pachistan;
Mohammed Daoud Khan, organizza un golpe incruento e scrive la parola fine sulla monarchia in Afghanistan ;
guerra in Etiopia e Zaire;
i ribelli Sandinisti combattono in Nicaragua;
insurrezione delle dimostrazioni anti-nucleare;

Periodo di massima eccitabilità – 1979-82:

decolla in Polonia il Sindacato Autonomo dei Lavoratori “Solidarietà”;
il movimento anti-tax americano raggiunge il suo apice;
viene eletto Ronald Reagan ;
lo Scià d’Iran viene rovesciato ;
incomincia la guerra Iraq-Iran ;
L’Armata rossa entra a Kabul, Afganistan, il 27 dicembre 1979 e mette al potere Babrak Karmal ;
incomincia la Guerra delle Falkland ;
i Sandinisti estromettono i somali;
lo Zimbawe guadagna l’indipendenza;
avvengono le più grandi manifestazioni mondiali contro il nucleare;

Periodo di decrescita dell’eccitabilità – 1979-82:

gli Stati Uniti forniscono aiuti ai “contras” in Nicaragua;
gli Stati Uniti invadono Grenada ;
ribellione Tamils in Sri Lanka;
Israele invade il Libano ;
il partito dei Verdi Globale, i “Die Grünen”, viene eletto in Germania ;

Periodo di Pace/Repressione – 1984-86:

Israele si ritira dal Libano;
le sommosse in Sud Africa vengono spente dalle azioni governative;
le Filippine estromettono Marcos;
ribellioni e sommosse Sikh in India;
la guerra alle droghe degli Stati Uniti si inasprisce;

Periodo di aumento dell’eccitabilità – 1987-88:

inizia l’intifada Palestinese;
i dissidenti dell’Europa Orientale si organizzano;
gli URSS e gli Stati Uniti firmano il trattato sui missili;
gli URSS cominciano il ritiro dall’Afganistan;

Periodo di massima eccitabilità – 1989-91:

le sommosse studentesche cinesi vengono schiacciate;
rivoluzioni pacifiste nell’Europa Orientale;
dissoluzione dell’Unione Sovietica ;
fine del dominio del Partito Comunista sovietico;
Saddam Hussein invade il Kuwait ;
termina l’Apartheid in Sud Africa;
formazione dei movimenti patriottici miliziani negli Stati Uniti;
guerra civile in Somalia;
la Yugoslavia incomincia la sua carneficina in Bosnia;
i Sandinisti perdono le elezioni in Nicaragua;

Periodo di decrescita dell’eccitabilità – 1992-94:

la Cecoslovacchia si divide in Repubblica Ceca e Repubblica Slovacca;
i ribelli afgani conquistano Kabul;
proteste sul massacro di Waco ;
i Repubblicani conquistano il congresso degli Stati Uniti;
Nelson Mandela diviene presidente ;
Arafat rientra in Palestina;
ha inizio il Genocidio del Rwanda ;
dopo il brutale pestaggio di un tassista di colore, Rodney King, scoppiano delle violente sommosse a Los Angeles ;

Periodo di Pace/Repressione – 1995-97:

ha inizio il processo di Pace nel Nord dell’Irlanda;
accordi di pace tra Bosnia, Serbia e Croazia;
accordi di pace tra Israele e Palestina;
l’FBI rinforza il suo potere dopo l’attentato di Oklahoma City;
fallisce l’attivismo della “ala destra”;
negli Stati Uniti il livello detenuti nelle carceri è il più elevato al mondo;
mediate le minacce di guerra tra Cina e Corea del Nord;

Periodo di aumento dell’eccitabilità – 1998-99:

trattato di pace nel Nord dell’Irlanda;
grande protesta per la Pace contro la guerra in Iraq;
rovesciata la presidenza di Suharto in Indonesia;
l’India e il Pakistan eseguono dei test con armi nucleari;
sommosse dei movimenti giovanili studenteschi negli Stati Uniti e in Europa;
si inasprisce il conflitto tra l’Esercito di Liberazione del Kosovo  e la Serbia, così gli Stati Uniti e la NATO decidono di “risolvere” il conflitto attraverso un massiccio bombardamento di tutta la nazione;
la Russia avverte della possibilità di una Guerra Nucleare sulla decisione presa dagli Stati Uniti e della Nato di bombardare la nazione Serba;
le schermaglie Indo-Pachistane sul Kashmir si inaspriscono;
le milizie bruciano Timor Est  e la popolazione viene rinchiusa in campi di concentramento a Timor Ovest;
dimostrazione all’incontro del WTO di Seattle stranamente violenta;
aumento dei conflitti religiosi in India e Indonesia;

Periodo di massima eccitabilità – 2000-03:

il trattato di Pace dell’Irlanda del Nord va in frantumi;
sommosse e guerriglie nel Kosovo;
lee terre nello Zimbabwe vengono confiscate;
Miami protesta contro Elian Gonzales ;
Seattle, Washington DC, Praga, il Goteborg, Quebec City, Genoa e altre proteste mondiali contro il WTO/IMF/World Bank;
raduni pro e contro la bandiera della Confederazione negli Stati Uniti ;
le provocazioni del leader Israeliano Ariel Sharon e del Partito Likud ai Palestinesi, rinnovano periodi di sommosse e terrorismo;
incrementa in Indonesia la guerra civile nella Sierra Leone e nello Sri Lanka;
rovesciamento del regime di Slobodan Milošević ;
proteste tra Repubblicani e Democratici per le elezioni Presidenziali negli Stati Uniti;
l’11 settembre 2001 le Torri Gemelle del World Trade Center di Manhattan, a New York, vengono rase al suolo da un presunto “attacco terroristico”;
risposta violenta degli Stati Uniti con l’invio di forze armate in Iraq;
proteste contro il conflitto vengono portate avanti in tutto il mondo;
violente sommosse in India con la minaccia di un conflitto nucleare India-Pakistan;
veloce mobilitazione mondiale contro gli Stati Uniti e contro la decisione di invadere l’Iraq;
la Korea e l’Iran reagiscono rabbiosamente contro la le minacce di Bush di un’azione militare preventiva;

Periodo di decrescita dell’eccitabilità – 2004-06:

il numero e le dimensioni delle proteste contro la guerra diminuiscono lentamente, anche se la ribellione all’occupazione in Iraq aumenta;
giovani musulmani attivano massicce sommosse in Francia;
la Korea e la Libia fanno accordi con gli Stati Uniti;
l’Iran da un giro di vite contro i dissidenti;
Bush fa passare il Military Commissions Act nel 2006 e altre leggi per semplificare l’imposizione della legge marziale, allo scopo di incarcerare i cittadini americani senza avere nemmeno il diritto a un giudizio.
Israele bombarda il Libano a pochi giorni di distanza da una protesta mondiale;
ha luogo la prima conferenza del North American Secessionist;

Periodo di Pace/Repressione – 2007-09:

piccoli focolai di attivismo sparsi in tutto il mondo contro la minaccia degli Stati Uniti e di Israele di attaccare l’Iran;
Bush ammette il dialogo faccia a faccia con la Corea del Nord e l’Iran, aumentando così le speranze di pace;
leaders dello Zimbabwe, del Venezuela, dell’Ecuador e dell’Iran danno un giro di vite ai media indipendenti, a quelli elettorali e ad altri dissidenti;


RIFERIMENTI

[1] http://www.newscientist.com/article/mg20127001.300-space-storm-alert-90-seconds-from-catastrophe.html?full=true

[2] M. Brook – Autore del romanzo “Entanglement” – ISBN(13): 9781863256568 – ISBN(10): 1863256563 (©2007 – Random House Australia)

[3] “Il ritorno della grande aurora”, di Sten F. Odenwald e James L. Green, pubbl. su “Le Scienze”, num. 482, ottobre 2008, pag.52-59

[4] V. Castellani, P. Giannone, Evoluzione stellare, Edizioni Sistema, Roma, 1973

[5] Mossman, J.E., 1989, A comprehensive search for sunspots without the aid of a telescope, 1981-1982, in Quarterly J. R. Astr. Soc., 30, 59-73. Hetherington, B. 1996, A chronicle of pre-telescopic astronomy, John Wiley and Sons. Stephenson, F.R. 1990, Historical evidence concerning the Sun: interpretation of sunspot records during the telescopic and pre-telescopic eras, in Phil. Trans. R. Soc. London, A330, 499-512.

[6] Xu Zhentao – Philosophical Transactions of the Royal Society of London. Series A, Mathematical and Physical Sciences, Vol. 330, No. 1615, The Earth’s Climate and Variability of the Sun Over Recent Millennia: Geophysical, Astronomical and Archaeological Aspect (Apr. 24, 1990), pp. 513-515

[7] M. Teodorani, Ph.D, A Comparative Analytical and Observational Study of North American Databases on Unidentified Aerial Phenomena, NARCAP Technical Report- http://www.narcap.org/reports/CompAnal/ONNYCT_Paper_MT_2009_REVISED.pdf

[8] http://science.nasa.gov/headlines/y2009/01apr_deepsolarminimum.htm

[9] http://sidc.oma.be/news/118/minimum_eng.pdf

[10] R. Edward Dewey “Cycles: The Mysterious Forces that Trigger Events”, 1971

[11] A. Tchijevsky. Physical Factors of the Historical Process. A short sketch. Kaluga, 1924. – 72 p

[12] “Jin-Shu, Zhi”; “Song-Shu, Zhi”; Hirayama (1889); Ancient Sunspots Records Research Group (1977); Clark & Stephenson (1978); XU (1983); Yau & Stephenson (1988)/10

 

Andrea Doria

Fonte: http://www.automiribelli.org/

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close