Spiritualità

Se ognuno di noi potesse realizzare i suoi desideri…

Piove. Semplicemente, piove. È quasi notte.

Mario fa il contadino, è affacciato alla finestra e spera in cuor suo che continui a piovere per almeno altri due giorni, l’ideale per irrigare bene i suoi campi.

A pochi chilometri da lui, in quelle case sopra le colline, Lucia è nella sua stanza che prega il Signore di far smettere al più presto quella dannata pioggia. Il ricordo di quello che accadde l’anno scorso è ben vivo in lei, quando il susseguirsi di diversi giorni di pioggia creò smottamenti nel terreno a tal punto da farle rischiare di perdere la casa.

Anche Stefano, nella lontana città, si augura che la pioggia possa finire quanto prima; niente è più velenoso dell’umidità per le sue ossa, e già inizia ad avvertire quel fastidioso dolore di fondo.

Ma proprio nell’appartamento accanto, Francesca benedice quel clima meraviglioso che la ispira a tal punto da permetterle di scrivere quelle bellissime storie per bambini. Già, i bambini… “Sia ringraziato Dio per questa pioggia provvidenziale”, pensò tra sé Francesca, “domani l’aria della città sarà sicuramente meno carica di smog e i piccoli potranno respirare meglio.”

Non la pensa invece così Erica, di professione climatologa, che è ben consapevole di quanto sia anomala quella pioggia in questo periodo. Il clima sta decisamente cambiando e la cosa non promette nulla di buono. Cosa darebbe per trovare il modo di fermare questa inesorabile trasformazione!

Matteo è invece al settimo cielo dalla gioia. Il suo lavoro non è certo privo di imprevisti, e come vigile del fuoco si è ritrovato a sedare invano un pericoloso incendio per ben tre giorni prima dell’arrivo di questa pioggia miracolosa. Ora sta finalmente rientrando a casa dalla sua famiglia, covando in cuor suo il sogno che un giorno l’essere umano possa inventare una macchina in grado di manovrare la pioggia.

Ma oltre alla pioggia ognuna di queste persone nutre con forza contrastanti idee in merito ai sentimenti, alla giustizia, alla religione, alla politica, alla morale, insomma, per ogni aspetto della vita una convinzione e una speranza diverse.

Cosa mai potranno avere allora in comune tutti questi individui?

La settimana successiva si ritroveranno insieme alla cena di compleanno di Stefano. Al momento del brindisi, il festeggiato si alzerà in piedi per ringraziare tutti di cuore e, calice alla mano, dirà con profondo sentimento: “Quanto vi voglio bene! Pregherò affinché ognuno di voi possa ottenere dalla vita sempre quello che desidera!”

Fortunatamente, Qualcuno non ascolterà Stefano, e semplicemente tutto continuerà a seguire il suo corso.

Fonte: associazioneperankh

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close