Spiritualità

DIO®

Spiritual-Business Vedrete che presto o tardi qualcuno ci riuscirà! Leggeremo la notizia in qualche rivista specializzata, tipo “Eurospiritual”…

Finalmente qualcuno troverà il modo per registrare il marchio divino e farlo proprio, e quel qualcuno farà impallidire Bill Gates per la geniale inventiva.

E sarà un bel problema, pensate a quei poveretti che dopo essersi fatti scappare anche solo una bestemmia, si beccheranno una bella querela dal legittimo proprietario del marchio per averlo usato in modo inappropriato e quindi in parte leso.

Già, vita dura per i bestemmiatori… era probabilmente questo a cui si riferiva profeticamente Gesù quando disse che coloro che bestemmiano contro lo Spirito Santo non saranno perdonati.

Fantascienza? Proprio no, stiamo già iniziando a tastare il terreno. Abbiamo già rosicchiato timidamente qualche concetto e qualche tecnica qua e là, estrapolata dai loro contesti tradizionali, per dargli una nuova forma e poterla così rivendere come novità dello spiritual-business.

La minestra è sempre la stessa – anzi la qualità è indubbiamente più scadente perché mancano inevitabilmente molti ingredienti fondamentali della ricetta originaria – ma aggiungendo qualche additivo artificiale, qualche colorante e un pizzico di nuovi sapori alla moda, il piatto è pronto, invitante, e nessuno si accorgerà di niente.

Tanto, diciamocelo, il più delle volte siamo alla ricerca di nuove emozioni e non di antiche sapienze, siamo alla ricerca di fughe immaginarie e non di riflessioni concrete.

L’Alchimia è affascinante solo letta sui libri e fantasticata nel cervello, perché appena intravediamo anche solo lontanamente la Nigredo dentro noi stessi ce la diamo a gambe levate, volando verso altri lidi più piacevoli, più accoglienti, più comodi.

Ma ovviamente non si venderebbero mai le cose chiamandole con il loro nome. E così si aprono le porte dell’ingegno dando spazio alla creatività; l’importante è trovare un nome originale che si distingua dalle solite banali e scontate definizioni demodé (e comunque non registrabili con il copyright)… Yoga, Cabala, Zen, Gnosi, Alchimia, e così via.

Per esempio, cose ne pensate di qualche bel seminario di Alchiterapia? Caballando sotto le stelle? Yoga della bagianata? Quanta saggezza che fanno pregustare! Quale forma eccelsa di conoscenza! E poi, cosa volere di più, pagata la quota e terminato il corso, tutti a casa propria senza più nessuno in mezzo ai piedi, liberi di continuare a raccontarci le frottole di sempre.

Quante belle persone in giro per il mondo, con le mani tese verso di noi e ricolme di doni spirituali da offrirci a prezzi contenuti (ma un dono non è gratis!?). E si capisce che queste persone ci amano veramente (non ci dicono in faccia quello che pensano di noi ma ci sorridono sempre), si capisce che hanno proprio a cuore i nostri problemi (appena chiediamo loro una consulenza a pagamento corrono da noi).

Il segreto della Via è chiaro: aprire il proprio cuore proporzionalmente al proprio portafoglio. È tutto molto semplice, il resto sono fesserie.

La Via verso l’Uno è già tracciata, e non è vero che è stretta e scomoda, occorre solo lasciarsi pervadere dalle energie sottili intorno a noi, abbandonarsi alla Luce. Le nostre azioni non hanno poi così tanto valore, l’importante è che siano le nostre menzogne ad essere valorose.

Poco importa se partecipiamo quotidianamente all’olocausto degli animali, massacrandoli per soddisfare il palato, castrandoli per nostro piacere e nostra comodità. Poco importa se siamo disposti a distruggere una famiglia per due euro di eredità, poco importa se siamo fattivamente insensibili alle reali necessità di coloro che ci circondano, poco importa se ci irritano, se il nostro animo è colmo di angosce e profondi malumori nei loro confronti.

Ancora poco tempo di trepida attesa… e, quando il momento arriverà, ci basterà partecipare a qualche favoloso week-end intensivo per poter finalmente appendere in bella vista il nostro tanto meritato diploma di DIO®. Da quel momento tutti sapranno finalmente chi siamo, e non dovremo più preoccuparci di saperlo anche noi.


Fonte: associazioneperankh.wordpress.com

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close